Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
 

29/4/2013

 

In Vain- Live Report

Domenica 14.04.2013: In Vain al Cycle Club - Calenzano (FI)

 

Quando ti ritrovi di domenica sera ad arrancare zaino in spalla e trolley trascinato le strade senza nome della zona industriale di Calenzano, periferia della periferia fiorentina, devi ammetterlo, alzi lo sguardo al Cielo e ti chiedi se ne valeva la pena. Ma subito ritrovo il buon umore, quando in quella solitudine chiedo indicazioni a un podista che per non perdere il ritmo mi gira attorno guardandomi allibito e mi risponde: “ho visto dei suoi compagni un chilometro più avanti!”. Bene ci siamo!

Mi metto in coda, dall’ingresso spunta il chitarrista mi riconosce mi dice di seguirlo. Ci ho messo qualche secondo a realizzare che mi stava facendo entrare senza pagare! Sapeva da una conversazione avuta su Facebook che avevo macinato un bel po’ di chilometri per essere là. Un gesto che non mi aspettavo, che va oltre la metallica fratellanza! All’interno rivedo con gioia Francesco, conosciuto all’EoR 2010 e ho il piacere di conoscere Giacomo. Tutto è pronto, che lo show abbia inizio! Gli In Vain salgono sul palco alle 21:30,  due turnisti sostituiscono il batterista e il bassista che, come annunciato ampiamente nel blog, non hanno avuto la possibilità di partecipare al tour europeo.

Si parte con la collaudata Captivating Solitutide dal magnifico album Mantra da cui è stato tratto il loro primo video ufficiale, subito seguita da Against the grain, la prima traccia del nuovo album; pochi fronzoli ma grande compattezza del sestetto sul palco, la coppia Haland/Pedersen si ritaglia subito la scena con un brano che mette ben in evidenza le qualità vocali spese in continui intrecci tra il cantato cleaning, growling e screaming, il vero marchio di fabbrica  del gruppo. Il locale non è certo enorme e il pubblico non è tra i più numerosi, ma il sound è di buona qualità, e tanto basta per apprezzarli al meglio! Si prosegue andando a pescare due perle dal primo album, Det rekner e la visionaria October’s monody, l’atmosfera si scalda, i ragazzi delle prime file si lasciano coinvolgere nell’headbanging cadenzato di Haland e soci.

C’è molta curiosità per questi ragazzi che continuano a inanellare voti stratosferici all’uscita di ogni album e gli In Vain non deludono, si spendono sul palco per quella che è diventata la loro unica data italiana e il loro cuore, la passione, insieme al sound unico, raggiungono anche chi li sta ascoltando per la prima volta. Per i fan più accaniti, c’è una dedica speciale, Image of time è introdotta da un ringraziamento al sottoscritto e tre ragazzi milanesi che erano presenti il giorno prima a Travagliato (BS), quando la polizia ha impedito il concerto per motivi di sicurezza e che in puro spirito metal hanno voluto raggiungere la band a Firenze il giorno dopo.

Si chiude,  forse troppo presto, con la collaudata e trascinante The Titan, tra i loro pezzi più famosi già richiesto a gran voce all’EoR 2010. Il concerto non prevede bis perché a seguire il ricco menù offre i Solefad, band in cui suonano tre membri degli stessi In Vain e gli headliner della serata, i Vreid. Disponibilissimi a intrattenersi con il pubblico anche dopo il concerto, con Giacomo e Francesco riusciamo anche a ottenere una intervista, il tutto a completare una bellissima e preziosa serata!

 

                                                            Dario Di Carne

    

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it