Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
 

01/6/2014

 

Skillet- Live Report

Domenica 01.06.2014 - “Rock In Idro 2014” Arena Parco Nord  Bologna (Italia)

Rock in Idro 2014, un’edizione che rimarrà scolpita nella memoria di chi ama le sonorità più dure per quanto ha offerto la sua terza giornata. Il nome Iron Maiden messo in cima alla lista infatti sarebbe bastato da solo a riempire l’Arena Parco Nord di Bologna, figuriamoci una volta affiancato a Alter Bridge, Opeth e Black Stone Cherry. L’affluenza è stata indubbiamente devastante. Quello che però il sottoscritto non prevedeva, al momento dell’acquisto del biglietto, era che si sarebbe inserita in apertura un’altra band di notevole caratura, ovvero gli Skillet.

Dopo l’opening lasciato ai vincitori del contest, ovvero gli italiani Pavic, un veloce cambio palco e, ore 14.00 circa, l’arrivo della Christian band. I quattro musicisti si presentano subito come padroni della scena, a partire dal frontman John Cooper: carismatico, di ottima presenza scenica e dalla bellissima voce; in alcuni brani impegnato anche a suonare il basso. Ad affiancarlo avevamo l’altrettanto scatenata moglie Korey Cooper che, con la sua pittoresca cresta bionda, si alternava tra chitarra ritmica e tastiere. L’altra chitarra invece era imbracciata da Seth Morris. D’altro canto chi stava dietro le pelli non era da meno; Jen Ledger ancora più infuriata pestava la batteria come si picchia un tappeto polveroso, il tutto alternandosi a John in veste di vocalist (quando non cantava la vedevamo fare headbanging suonando). Ma gli headbangers più micidiali erano Tate Olsen e Jonathan Chu, due turnisti impegnati a suonare rispettivamente violoncello e violino. La loro comparsa in diversi brani sul palco era l’elemento coreograficamente più spettacolare. In una mezz’oretta circa di concerto la band ha lasciato terra bruciata suonando i brani più noti come Rise e Sick of It dell’ultimo disco, o Hero di "Awake"; il tutto utilizzando basi musicali in sottofondo.

La risposta del pubblico è stata ottima e ciò, considerando il fatto che eravamo all’inizio di una giornata micidiale, non può che essere una nota di merito per la band. Degni apripista per quella che poi sarebbe stata la notte dei mostri sacri dell’heavy metal.

                                                 

          

Francesco Romeggini
 

    

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it

X