Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
Band Links
 
S91
Sto Per Tornare
 
S91
Volontà Legata
 
 

S91

 

Intervista ai membri degli S91, la prog rock band toscana che è da poco uscita col professionale debut Ep "Sto Per Tornare".

Prima di tutto vi ringrazio, anche a nome dello staff di WhiteMetal.it, per la vostra disponibilità in questa intervista. Iniziamo con la prima domanda: quando e come sono nati gli S91?

Jack: il piacere è anche nostro, io personalmente sono estremamente contento di poter rispondere a queste domande. Gli s91 sono nati in una fredda sala prove a Montecarlo in provincia di Lucca nel febbraio del 2006 con l’incontro fra me e Alex. L’idea era quella di creare una rock band che fosse testimonianza della nostra fede cristiana. All’epoca io non avevo idea dell’esistenza di una vera e propria corrente rock cristiana, sapevo dell’esistenza di bands come P.O.D. e Stryper, ma non mi ero mai molto interessato. Fu Alex a convincermi che il progetto poteva costituirsi ed iniziammo a buttar giù qualche brano della tradizione worship riarrangiato in chiave rock. A noi si unirono poco dopo Tania, Sefora, Frank e Maria in rapida successione. Negli anni successivi abbiamo avuto parecchi problemi di line-up, (risolti definitivamente solo negli ultimi mesi) che ci hanno rallentati molto ma che ci hanno anche permesso di riflettere su molte questioni. Ad esempio l’idea di fare prog, di discostarsi dalla tradizione, e di affrancarsi da qualsiasi corrente religiosa è nata proprio in questo periodo. Ci consideriamo una christian-band e non credo che si possa rinunciare a dirlo, ma non abbiamo intenzione di fare nessun tipo di settarismo o proselitismo. Ci tengo a dire un'altra cosa, s91 è una band fatta prima di tutto di persone e di amici e per me è motivo di orgoglio vedere quanto in questi anni noi membri siamo cresciuti e maturati in molti ambiti, non solo quello musicale. Salmo 91-11: "Poiché egli comanderà ai suoi angeli di proteggerti in tutte le tue vie". E’ il nostro nome e si addice molto a noi: questo ci è stato promesso e questo crediamo.

L'ultimo entrato nella band è quindi Francesco, ormai nostra vecchia conoscenza in quanto assiduo frequentatore del forum, nonché mio grande amico. Quali cambiamenti ha portato il suo ingresso nella band, vista la sua passione per il metal?

Jack: oltre ad aver portato una goduriosa ventata di "metal" al nostro suono, Franz, essendo sicuramente il più dotato di noi dal punto di vista analitico, ci ha aiutati a portare a termine in maniera veloce ed efficiente gli arrangiamenti di tutti brani.
Frank: gli arrangiamenti che ha messo in piedi Franz mi hanno aiutato molto ad esprimermi finalmente al meglio delle mie possibilità, cosa che fino a poco tempo fa non ero riuscito a fare né con gli s91 né con altre band. Ora che abbiamo iniziato a scrivere brani insieme, questo concetto mi è sempre più chiaro, stiamo finalmente esplorando quei territori musicali che ci hanno sempre attirato ma che ci sembravano preclusi.

Come ho scritto nella recensione di "Sto Per Tornare", siete probabilmente l'unica band che propone un prog rock dove ai microfoni troviamo ben tre ragazze. Questo rende il vostro sound molto particolare, melodico e soprattutto personale. Avete comunque gruppi di riferimento a cui vi ispirate?

Jack: Quello di avere tre cantanti è un fatto che sorprende molti, ma per noi è una cosa abbastanza naturale. Stiamo cercando faticosamente di raggiungere un equilibrio perfetto fra la parte strumentale e quella vocale e lirica, quindi è giusto che il numero di persone impegnate sui due fronti sia bilanciato. Io quando suono non riesco neanche a parlare, Frank e Alex hanno delle voci non-belle (tanto per usare un eufemismo) e anche Franz non è che sia famoso per le sue doti vocali ;-) Ognuno di noi si ispira a musica ed artisti diversi. Attualmente i miei bassisti di riferimento sono Chris Wolstenholme dei Muse e Justin Chancellor dei Tool, sto cercando di "svecchiare" un po’ il mio sound. Frank si ispira a Jordan Ruddess, Franz ad Iron Maiden e Shadow Gallery, Alex ai chitarristi dei C.S.I. Giorgio Canali e Massimo Zamboni. Maria è una appassionata del gruppo gothic Stream of Passion, Sefora e Tania invece si ispirano molto a varie cantanti pop e soul come Elisa, Carmen Consoli e Joss Stone.
Maria: sono molto contenta che nella recensione tu ti sia accorto che per il ritornello di "Amor per te" io e mio fratello (abbiamo scritto noi il brano) ci siamo ispirati a "Fatal Tragedy". I Dream Theater sono quindi una chiara fonte di ispirazione.
Frank: Avere tre cantanti sta diventando la nostra particolarità, loro sono molto brave ad intrecciare le loro parti e ad eseguirle con grande precisione anche dal vivo.

Parliamo ancora del vostro Ep. Prima di tutto vi faccio i complimenti, sia per i pezzi proposti, sia per la maniera molto professionale in cui è stato prodotto. Molto bello anche il contenuto lirico, evangelizzazione attraverso il tema del ritorno di Gesù. Quanto sono importanti i testi delle canzoni per gli S91?

Jack: Ti ringrazio moltissimo, sono contento di vedere come alcuni si siano veramente appassionati agli s91. Questi testi caratterizzano molto la nostra musica e credo che diventeranno sempre più importanti; in futuro ci piacerebbe parlare anche di altri argomenti, non vogliamo ossessionare gli ascoltatori e non vogliamo risultare pedanti e fanatici a chi ci osserva. Vorrei fare un analisi dei testi di questo nostro primo Ep. E’ bello notare come questi testi rispecchiano abbastanza fedelmente la nostra storia: si inizia con "Il meglio di me" che attinge a piene mani dalla tradizione worship (da cui praticamente quasi tutti noi siamo partiti), passando poi per "Anime vaganti" e "Amor per te", in cui cerchiamo di comunicare il messaggio cristiano all’ascoltatore e finiamo con "Ascoltami", in cui parliamo del nostro rapporto con il libro dell’Apocalisse. Questo ultimo tema lo ritroveremo spesso nei nostri prossimi brani.

Per quanto riguarda invece il vostro live con gli Inside Mankind, come avete vissuto questa esperienza? Avete in mente altre esibizioni con loro?

Franz: Conosco personalmente gli Inside Mankind da un po’ di tempo, questa estate addirittura avevo provato a collaborare con loro come sostituto di un chitarrista al momento assente, cosa che purtroppo per colpa della distanza abbiamo dovuto troncare sul nascere; posso dire senz'altro che sono ragazzi veramente in gamba e con tanta voglia di fare. La serata insieme è stata come immaginavo molto positiva, ci siamo divertiti molto anche se entrambi abbiamo dovuto lavorare parecchio per preparare lo show. Abbiamo discusso con loro diverse volte la possibilità di poter organizzare serate o eventi insieme, soprattutto perché siamo le uniche band cristiane in contatto della Toscana, ed è un aspetto da dover sfruttare il più possibile, ancora non abbiamo niente in programma, ma spero che presto si possa ripetere un evento come quello passato, sarebbe sicuramente un guadagno per il movimento che entrambi portiamo avanti.

E con altre band in ambito prog-rock e metal? Qui in Italia abbiamo diversi nomi, Altripercorsi, Seven Horizons, Timesword...

Jack: abbiamo avuto modo di suonare con gli Altripercorsi due o tre anni fa, quando eravamo ancora agli albori, e loro mi sono piaciuti moltissimo. Li abbiamo rivisti ultimamente e abbiamo lasciato loro il nostro disco: se sono rose, fioriranno! A me piacerebbe in futuro collaborare con i Nefesh che voi conoscete e che a me piacciono molto, gli altri però non so se sarebbero d’accordo...
Franz: immaginavo questa domanda. Personalmente sono molto in contatto con Giordano, il pazzo batterista dei Seven Horizons, credo e spero con tutto il cuore che prima o poi possa venire fuori una collaborazione anche con loro, stesso discorso per le altre band citate, gli Altripercorsi sono una band veramente in gamba, li ho visti suonare una volta e mi hanno fatto un'ottima impressione,
sia tecnicamente che personalmente, li abbiamo rivisti di recente io e Jack scambiandoci i contatti; e riguardo ai Timesword sono molto contento del fatto che suoneranno al prossimo Elements of Rock; sarei onorato di incontrarli ed eventualmente collaborare con loro. Il maggior ostacolo è sicuramente la distanza, siamo sparsi in tutta Italia, considerando anche altre band come i siciliani Metatrone e Hypersonic, i napoletani Grafted Branches, i milanesi Boarders ed i Doomenicus da Foggia; credo che con la volontà e l'impegno di tutti possiamo unirci e lavorare insieme per creare un vero e proprio movimento musicale cristiano, che nel suo piccolo già sta nascendo.

Parlando sempre di concerti, avete mai preso in considerazione l'idea di suonare ad un festival come l'Elements of Rock?

Frank: sarebbe grandioso, però abbiamo ancora molta di strada da fare, da diversi punti di vista.

Torniamo un'ultima volta sul vostro Ep. Alla fine troviamo una traccia nascosta, un sognante solo di pianoforte. E' per caso l'anticipazione del vostro prossimo lavoro? Cosa ci possiamo aspettare dai vostri progetti futuri?

Jack: è una versione presa dal "meraviglioso mondo di Frank" di E.N.T.E.R., un brano che abbiamo finito di arrangiare qualche settimana fa, con testo in inglese. Ora stiamo organizzando concerti sparsi per la Toscana e l’Italia, e stiamo finendo di vendere tutte le copie stampate. Le richieste sono molte ed è probabile che faremo una ristampa, magari remixata e rimasterizzata. Stiamo buttando giù diversi brani nuovi e nei nostri pensieri c’è sicuramente l’idea di fare un album, non so però di quanto tempo avremo bisogno ancora, soprattutto perché non ne abbiamo ancora parlato né con la Morning Star né con nessun altra casa.
Frank: stiamo scrivendo nuovi brani tutti ormai in chiave prog-rock. Per ora siamo molto contenti della musica che sta nascendo, le composizioni sono varie ed articolate, ma non dico altro, sarà tutta una sorpresa.

Grazie ancora per questa intervista, volete lasciare un ultimo messaggio per i nostri lettori?

Jack: negli ultimi mesi ho avuto modo anche io di frequentare il forum e sono rimasto piacevolmente sorpreso nel vedere tante persone così appassionate di questo tipo di musica. Auguro a tutti voi di rimanere saldi in questa passione e di continuare su questa strada.

 

 

Daniele Fuligno

 

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it