Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
Band Links
 
CALLISTO
Ordeal Of The Century
 
CALLISTO
Noir
 
CALLISTO
Providence

CALLISTO
Secret Youth
 
 

 

CALLISTO
True Nature Unfolds
post-metal
2004 - Fullsteam Records / 2005 - Earache Records
(Finlandia)
www.myspace.com/callistochaos

 

Io amo il post-core. Alla follia, proprio. Io amo il post-core perché è uno di quei pochi generi che riesce a farmi viaggiare con la mente in una maniera splendida, costituito da atmosfere più che da semplici riff, da viaggi onirici più che da melodie. O almeno questo vale per i migliori gruppi. Questo, infatti, è uno dei generi più difficili da suonare, e non parlo di difficoltà tecniche, bensì di difficoltà da songwriting: bisogna esserci portati, bisogna avere classe, avere una percezione superiore della musica per fare post-core come si deve. Bisogna prendere il rumore, rimodellarlo, fargli acquisire forma, ingrossare le distorsioni per creare mondi sognanti, e magari unirle alla più pura malinconia. Bene, questo è proprio quello che fanno i Callisto. Perché questa band dal nome improbabile è appena al debutto, ed ha già creato un disco destinato ad entrare nel cuore di tutti gli amanti del post-core, anzi, di tutte quelle persone che oseranno ascoltarlo, a mio parere. Perché le canzoni contenute qua dentro sono da infarto, punto.

L'atmosfera onirica di Blackhole non si può dimenticare facilmente, così come i riff eretti dal gruppo, veri e propri muri di buio sonoro che avvolge tutto e non lascia respiro. Distorsioni dei migliori Pelican si uniscono ai flussi musicali degli ultimi Isis, il tutto con un senso della melodia drammatico e opprimente (come in Cold stare) ma allo stesso tempo sognante e nostalgico (i meravigliosi riff di Caverns of Khafka, o la bellissima Worlds collide). Mondi paralleli che si incrociano, stasi psichedelica, pura malinconia, sorretta da un tessuto chitarristico fatto da atmosfere più che da semplici riff, e dalla voce growl di Markus Myllykangas che sembra urlare vendetta al mondo intero. Per non parlare di quando il gruppo regge la tensione e la fa crescere, iniettando le canzoni di sentimento, oltre che di rabbia e devastazione. L'inquietudine di vivere, il rimorso interiore che si erge in un crescendo emozionale, sfociando nella speranza che spunta dal nulla: canzoni come fossero correnti sonore che trascinano l'ascoltatore, note che aspettano solo un paio di orecchie per tramutarsi in emozioni. Questo è il mondo dei Callisto, questo è il mondo in cui voglio perdermi.

Un gruppo immenso, da cui mi aspetto grandissime cose in futuro. Intanto, "True Nature Unfolds", per chi non lo avesse capito, è un capolavoro, di quelli che ne esce uno quando meno te lo aspetti. Da avere, a costo di vendere vostra nonna.

Stefano Pentassuglia

VOTO

90

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it