Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
Band Links
 
CRIMSON MOONLIGHT
Glorification Of The Master Of Light
 
CRIMSON MOONLIGHT
The Covenant Progress
 
CRIMSON MOONLIGHT
Songs From The Archives
 
CRIMSON MOONLIGHT
Veil Of Remembrance
 
CRIMSON MOONLIGHT
In Depths Of Dreams Unconscious
 
INTERVISTA
27/9/2005

CRIMSON MOONLIGHT
Divine Darkness
 

 

CRIMSON MOONLIGHT
Eternal Emperor   (Ep)
unblack
1998 - Self
(Svezia)
www.myspace.com/officialcrimsonmoonlight

 

È "Eternal Emperor" la prima, autoprodotta, vera release della straordinaria band svedese. Si tratta di un Ep di 5 canzoni dalla durata di circa 18 minuti in cui viene espresso e proposto un black melodico dalle intriganti e pervasive atmosfere dark, di cui le principali artefici sono le straordinarie parti pianistiche dell’ispiratissimo Alexander Orest, il quale però nel 2002 lascerà la band che anche per questo motivo si indirizzerà verso quel sound più aggressivo e brutale che troveremo nel primo full-length e poi ancor più oltre. "Eternal Emperor" si presenta con una veste grafica davvero piacevole, anche se non propriamente professionale, ma con una produzione solo discreta. La croce sul logo ed i testi cristocentrici immediatamente chiariscono la natura unblack del combo: Cristo è l'"Imperatore eterno", Signore assoluto del creato e della storia.

Apre la strumentale Preludium in cui splendide note di piano introducono ad un black estremamente melodico ed ancora pianistico. Segue Where darkness cannot rearch, il cui ritmo è più intenso e dove scream e tastiere generano pindarici voli emozionali: a questo punto i tempi si estremizzano, finchè una nuova sferzata atmosferica proietta in ambientazioni dark poi di nuovo sovrastate da ritmiche più pressanti. Symphony of moonlight è stupenda nel suo svilupparsi seguendo il magistrale piano narrante una malinconia ed un’angoscia che non può non toccare, ma che non esprime disperazione aprendosi a solari note finali che lasciano intravvedere spiragli di luce. Arriviamo alla title-track Eternal Emperor, le cui tastiere epico-inquietanti attendono l’irrompere della batteria e di un sinistro riff con screaming: momenti più rilassati sono solo una parentesi, poi torna l’angoscia e lo spettacolare screaming finale che maestoso proclama "Eternal Emperor". Chiude The final battle con lo struggente piano che salirà di tono fino a sfociare in una bella ritmica black melodica trade mark della song.

Squisito Ep dunque, che difetta però nell’approssimativa produzione e nell’esecuzione di ritmiche black serrate ancora acerbe e poco incisive. Alcuni spunti però impressionano per talento, ma letteralmente senza parole lascia l’incredibile lavoro al piano di Orest che varrebbe il prezzo d’acquisto… se solo il cd si potesse ancora trovare! Sold out da anni ormai.

Vaake

VOTO

78

 

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it