Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
Band Links
 
LIVING SACRIFICE
Living Sacrifice
 
LIVING SACRIFICE
Nonexistent
 
LIVING SACRIFICE
Reborn
 
LIVING SACRIFICE
The Hammering Process
 
LIVING SACRIFICE
Conceived In Fire
 
LIVING SACRIFICE
In Memoriam
 
LIVING SACRIFICE
The Infinite Order

LIVING SACRIFICE
Ghost Thief
 
 

 

LIVING SACRIFICE
Inhabit
grind
1994 - R.E.X. Records / 1999 - Solid State Recods
(USA)
www.myspace.com/livingsacrifice

 

Album di addio al metal old-school fu "Inhabit" per i Living Sacrifice. La band perse il singer e bassista D.J., che aveva evidentemente decisivo peso nella scrittura delle canzoni, e con il chitarrista Bruce Fitzhugh alla voce il successivo "Reborn" segnò la svolta metalcore della band; la formazione cambiò nuovamente fino a stabilizzarsi ai cinque membri di "The Hammering Process" e "Conceived In Fire" del 2002, a seguito del quale il combo si sciolse definitivamente. Tre ottimi dischi metalcore, sì, ma il distacco dal "true metal" si sente eccome, e non solo, si vede pure: come sempre accade in questi casi infatti, il tagliare i ponti col passato si è riflesso anche su look e grafica. Nel primo album omonimo, che data 1991, la band proponeva un possente e schizzoide thrash che gli valse l’appellativo di Slayer cristiani. Poi venne l’ancor migliore "Nonexistent" dove gli statunitensi si diedero al death. Eccoci così ad "Inhabit" (uscito nel 1994 per la R.E.X. e poi riedito con una nuova veste grafica nel 1999 dalla Solid State), e lo ritengo il miglior capitolo di questa prima tranche della discografia, nonostante un growl abbastanza mediocre e piatto pur se filtrato, ma tuttavia il suo grind si ascolta che è una goduria per potenza, velocità, esecuzione strumentale e varietà di songwriting.

Puro grindcore è l’attacco di In the shadow, velocissima, con assolo e parti più lente che lasciano spazio al growling, tanto per far capire subito che al terzo album si è già al terzo stile. Le tracce hanno spesso lo stesso tipo di strutturazione – furibondo sparatissimo, partiture tecniche, assoli, riff granitici – che però varia nell’ordine e mai risulta ripetitiva anche grazie al fatto che spesso i Living Sacrifice apportano interessanti varianti, come la squassante telluricità di Unseen, le oscure atmosfere di Inhabit, l’intro industrial della spettacolare Breathing murder, la quale racchiude intrecci e tessiture ritmiche entusiasmanti ma anche curiosi solos (lo sono spesso in verità qui). Mind distant a sorpresa si apre a vaghe note melodiche. Darkened e Indwelling alternano tempi lenti a break tirati, mentre la finale Departure dopo un asfissiante grind (che dà oltretutto definitiva dimostrazione di grandi abilità tecniche e di arrangiamento, si fa improvvisamente e inaspettatamente dark ambient con sinistro riff che si interrompe solo al sopraggiungere di una devastante mitragliata di doppia cassa. Il finale è di nuovo una buia distesa nebbiosa. L'episodio masterpiece è però la seconda song, Not beneath, oltre 6:30 di tecnico death mid-tempo, buio e ridondante, sovraccarico di lugubri riff, di distorsioni estreme e di double bass profondissima.

Buonissima produzione, una sezione ritmica clamorosa ma anche straordinarie liriche: peccato davvero per quel vizio di fondo, perché qui con un growling a livello di tutto il resto staremmo parlando di un capolavoro senza mezzi termini. Comunque anche così ci si può accontentare, direi!

Vaake

VOTO

87

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it