Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
Band Links
 
LIVING SACRIFICE
Living Sacrifice
 
LIVING SACRIFICE
Nonexistent
 
LIVING SACRIFICE
Inhabit
 
LIVING SACRIFICE
Reborn
 
LIVING SACRIFICE
Conceived In Fire
 
LIVING SACRIFICE
In Memoriam
 
LIVING SACRIFICE
The Infinite Order

LIVING SACRIFICE
Ghost Thief
 
 

 

LIVING SACRIFICE
The Hammering Process
metalcore
2000 - Solid State Records
(USA)
www.myspace.com/livingsacrifice

 

Metalcore. Ora, old-schooler, non fatevi inibire da questa "nomina" (in senso occamiano) accostandovi a "The Hammering Process"! Guardate la data, allora non c'era quel preconfezionamento da ufficio marketing di label che attualmente sovradomina questo genere: all'epoca erano ancora la rabbia intestina e la trivialità atavica a farla da padroni. E non solo rabbia e trivialità (ciò che declassa a "piatto" questo stile per un amante del vero metal) nel caso dei Living Sacrifice, ma anche moltissima tecnica strumentale e compositiva; del resto i primi tre capitoli della loro discografia furono rispettivamente thrash, death e grind... La conversione a questo nuovo sound dell'act da Little Rock era già avvenuta col notevole "Reborn", ma in preparazione del nostro Cd la line-up muta in modo radicale: il chitarrista Bruce Fitzhugh si era già dato al microfono nel precedente Cd, rispetto al quale però escono i fratelli Truby (basso e chitarra), sostituiti dal bravo axeman Rocky Gray (che ha arrotondato la mensilità, e non poco!, come batterista dei concittadini Evanescence di "Fallen") e da Arthur Green, e in più - il colpo di genio, apparentemente insensato - innestano un percussionista, Matthew Putman, accanto al già "diveltente" Lance Garvin, unico reduce insieme a Fitzhugh dello schieramento primigenio. L'accoppiata batteria-percussioni poteva risultare inutile o persino perniciosa in quanto confusionaria, ma qui è arrangiata in maniera esemplare, valorizzata ancor più da una produzione perfetta, pulita ma affatto plasticosa: così "The Hammering Process", come già adombra il titolo, accantona la consueta velocità del combo, assumendo i connotati di uno stupefacente disco percussionistico, ricolmo di maestose ondulazioni ritmiche - non veri e propri breakdown - di una cadenzata telluricità che tira al muro tutto ciò che capiti vicino al suo epicentro, inferocita per giunta dai viscerali ringhi di Fitzhugh. Non un growl, non uno scream o un roco il suo registro vocale, è proprio un, non troppo tecnico ma tramortente e mai tedioso, "ringhiato".

Chitarra con ridondanze cupissime in backing, e poi dall'oscurità quasi industriale inizia a emergere tutta la letale danza di cadenzati esplosivi e l'intreccio di drumming: così parte l'album, con Flatline, composizione chiusa da un assolo, seguita dall'imperiosa Bloodwork, dove gli squassanti saliscendi ritmici sono cattedratici e magistrali, e dove fanno la loro comparsa, all'interno di un complesso songwriting, tanto clean vocals in backing (nulla a che vedere coi coretti emo, sia chiaro) che polifonie abbaianti. Not my own nel suo sviluppo, che passa anche attraverso puntate thrash, si sovraccarica di magmatica tensione, ma non erutta. In Local vengeance killing troviamo ancora il clamoroso drumming-work, ma pure distensione eterea, almeno prima della mera devastazione e del sincopato detonante della pandemica sezione chitarre, da cui si genera un funambolico solo thrash oriented. Siamo a Altered life, e il lavoro percussionistico continua a lasciare a bocca aperta: brano questo ampiamente aperto a coralità clean che non disdegna cavalcate thrash ma neanche il minimale, il quale ascende per poi esplodere nel chirurgico conglomerato strumentale, sempre ringhiatissimo. Di Hand of the dead stupisce il crollo ritmico verso fumose lande melodiche, proprio all'apice del pathos e della violenza: è il preludio alla perla del disco, la meravigliosa Burn the end track che si può immaginare idealmente composta tanto in piena Rift Valley che nell'Agorà ateniese per come riesce ad amalgamare in modo sapiente trivialità marasmatica e clean evocativi, oscure progressioni opethiane e minimalità dark; orfico è l'assolo, cataclismatica la potenza ritmica. Masterpiece assoluto questo brano, cui fa seguito però la dubbia - in quanto poco compatta e unidirezionale - Hidden (prima mitragliante poi plumbea, poi ancora solare ed infine rabbiosa); per suo tramite approdiamo alla groove fascinosa quanto ruffiana, ma solo musicalmente, Perfect (I choose a perfect way / In everything I believe and see that confirms the love / Can I receive this gift, never ceasing / This hope that lies within, let it take hold). Per il commiato si presta sull'acceleratore: Conditional in ricordo dei tempi che furono attacca death, e nonostante torni presto catartico core, non disdegna break thrash solistici.

Un "processo martellante" che si scaglia tanto contro l'assurdità di un nichilismo quanto quella di una autoesaltazione dell'io rinneganti la Verità (All distortions of hate, distortions of God / Dissect, massacre, dissipate / False hope in man / False faith in myself / False life adorned in destruction / Failed life in death once ripped me open); questo è un disco semplicemente meraviglioso, e chi segue con costanza le recensioni del sito sa che non è certo il metalcore il genere che prediligo... Album a mio avviso imprescindibile, e sto faticando non poco a trattenermi la parola "capolavoro".

Vaake

VOTO

91

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it