Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
Band Links
 
LIVING SACRIFICE
Living Sacrifice
 
LIVING SACRIFICE
Nonexistent
 
LIVING SACRIFICE
Inhabit
 
LIVING SACRIFICE
Reborn
 
LIVING SACRIFICE
The Hammering Process
 
LIVING SACRIFICE
Conceived In Fire
 
LIVING SACRIFICE
In Memoriam

LIVING SACRIFICE
Ghost Thief
 
 

 

LIVING SACRIFICE
The Infinite Order
thrashcore
2010 - Solid State Records
(USA)
www.myspace.com/livingsacrifice

 

Ad ormai otto anni di distanza dal loro ultimo full-length, i Living Sacrifice tornano sulla scena con "The Infinite Order". I Living Sacrifice sono uno di quei gruppi leggendari che ogni fan di musica white deve conoscere; anche se non piace il genere (o i generi, dato che nel passato i nostri si sono specializzati in diversi) solo il monicker deve essere sufficiente per far accendere una lampadina nel retrocervello di qualsiasi white metallaro (un po’ come Stryper, Narnia, Petra, ecc...).

Prima di andare in pausa, i nostri ci hanno lasciato con "Conceived In Fire", nel 2002, che fu un buon disco, mai grande però quanto il loro capolavoro "The Hammering Process", ma pur sempre un buon disco. "The Infinite Order" riprende quasi esattamente dove l’ultimo ci ha lasciati: il sound è quasi lo stesso, meno sporco a causa di una produzione più pulita, e purtroppo però era proprio quel sound sporco e graffiante che rendeva i predecessori due ottimi lavori. Al di là di questa piccola pecca, musicalmente il disco ci ricorda che abbiamo a che fare con professionisti del genere: un ottimo mix di metalcore e thrash, contenente i breakdown tipici del metalcore e i ritmi frenetici di puro headbanging del thrash. Anche le vocals fanno la loro parte: mentre nei dischi precedenti le vocals risultavano come la parte di minor interesse, in questo sono quasi in primo piano, grazie anche all’aiuto di alcuni guest, tra i quali David Bunton (The Showdown) e Joe Musten (Beloved).

Quanto ai pezzi, ad un primo ascolto solo un paio saltano subito all’orecchio (è un lavoro che deve essere ascoltato parecchie volte per essere apprezzato), e sono la furiosa opener Overkill exposure (che leggermente strizza l’occhio al loro passato nella musica estrema) e Nietzsche’s madness, che col suo assolo di percussioni rimane la più particolare del platter. Interessanti anche The training, la traccia più metalcore nell’album, con anche lievi vocals in clean, e soprattutto la closer Apostasy. Quest’ultima brilla in confronto alla massa, partendo con un bellissimo intro di musica classica e rilassante (è l’unico momento di riposo nel platter), per poi trasformarsi nel tipico pezzo thrashcore dei nostri. Davvero un brano ottimo per chiudere il platter. Purtroppo però, pur essendo un grande album per l’headbanging selvaggio, non è musicalmente nulla di originale. I Living Sacrifice non hanno deluso, ma non hanno portato niente di nuovo alla tavola. All’inizio mi aspettavo addirittura un cambio di marcia su luoghi più estremi, come in passato, purtroppo così non è stato. Per ora mi accontento di questo disco, e aspetterò con ansia cosa avranno da proporci i nostri in futuro, sperando in qualcosa di più originale.

Christopher Warman

VOTO

77

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it