Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
Band Links
 
METATRONE
La Mano Potente
 
METATRONE
Paradigma

METATRONE
Eucharismetal
 
INTERVISTA
4/2/2006
 
INTERVISTA
16/4/2013
 
 

 

METATRONE
The Powerful Hand
power
2006 - Scarlet Records
(Italia)
www.metatrone.net

 

Finalmente la scena metal cristiana made in Italy sta cominciando a farsi valere e a far sentire la sua voce: non solo Getsemani, Doomenicus, Magnifiqat, Dusk e Boarders, ora ad infoltirla ci pensano anche i Metatrone, gruppo siciliano che propone un power impreziosito da partiture heavy (sulla scia dei Labyrinth e dei primi Vision Divine) e prog (rimandi ai Queensr˙che e ai Fates Warning), con qualche accenno AOR. L’album di questi cinque talentuosi musicisti, "The Powerful Hand" (composto originariamente in lingua italiana e dal titolo "La Mano Potente"), è stato coprodotto dal Seminario di Catania e poi distribuito dalla Scarlet Records che ha evidentemente intuito il valore di questa opera prima, un vero e proprio gioiellino del genere. I Metatrone hanno fatto centro al primo colpo con un disco davvero sorprendente per essere solo un debut: solida ritmica, belle e accattivanti melodie, buoni inserti corali e acustici, orchestrazioni sinfoniche,  una pulita esecuzione strumentale e dulcis in fundo la sorprendente prova del cantante Jo Lombardo che mi ha colpito piacevolmente sin dal primo ascolto: impeccabile nelle parti più acute come in quelle in cui c’è da tirare fuori tutta la grinta. I testi, scritti dal tastierista Davide Bruno e da Stefano Calcagno, sono tratti da diversi brani delle Sacre Scritture e testimoniano come Dio sia in ogni momento presente e vicino a noi, una vera Roccia di speranza e salvezza, sempre pronto a porgerci la Sua mano. L’album è anche, come ci ricorda la bella cover, l’ennesima prova che il metal può tranquillamente esprimere e cantare l’amore verso il nostro Salvatore.

Il disco (una quarantina di minuti, divisi in 10 brani) si apre con un antico canto gregoriano, Veni Creator Spirirus, un’evocativa ed epicamente martellante invocazione al Nostro Signore. A The best way, brano alquanto sparato con la batteria a tenerne il ritmo, segue One in a million, condita da ridondanti orchestrazioni, ottimi inserti tastieristici, da un assolo accattivante e da un refrain ben costruito che mi ha portato alla mente gli Angra: ed è proprio qui che Lombardo raggiunge la sua prova più convincente, veramente da brividi. Si ritorna alle ritmiche più veloci con Free and forever e con Mirror city train, suonati col piede sull’acceleratore, intramezzati da The song begins, brano maggiormente riflessivo e ritmato farcito di partiture prog in cui colpisce il duetto chitarra-tastiere nella parte centrale, e da The Rock, dall’incedere alquanto cadenzato in cui nel refrain la fa da padrona un coretto tipicamente AOR. Ci avviciniamo alla conclusione con War is pain again, dall’ottimo fraseggio chitarristico, con un finale in crescendo che culmina con un prolungato acuto di Lombardo. Siamo sempre su alti livelli con l’incalzante The Prince, 5 minuti di grande impatto e con la dolce e solare Not afraid. Il disco si chiude con un Ave Maria in latino, solo voce e chitarra acustica, che ci abbraccia soavemente.

Con "The Powerful Hand" diamo il benvenuto ai Metatrone nella scena metal cristiana supportandoli e augurandogli tutto il bene possibile per il futuro. Il disco, di pregevole stampo e dalle belle ed intense liriche, non potrà non travolgervi con la sua passione e carica emotiva.  

Ilaria Ricci

VOTO

87


 


 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it