Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
Band Links
 
MORTIFICATION
Break The Curse
 
MORTIFICATION
Mortification
 
MORTIFICATION
Scrolls Of The Megilloth
 
MORTIFICATION
Post Momentary Affliction
 
MORTIFICATION
Primitive Rhythm Machine
 
MORTIFICATION
EnVision EvAngeline
 
MORTIFICATION
Triumph Of Mercy
 
MORTIFICATION
Relentless
 
MORTIFICATION
Brain Cleaner
 
MORTIFICATION
Erasing The Goblin
 
MORTIFICATION
Scribe Of The Penateuch
 
 

 

MORTIFICATION
The Evil Addiction Destroying Machine
thrash
2009 - Rowe Productions
(Australia)
www.myspace.com/mortification1 - www.mortification.de

 

A tre anni di distanza dall’ultimo "Erasing The Goblin" i prolifici Mortification tornano all’attivo con il loro quattordicesimo full-length. L’album in questione, "The Evil Addiction Destroying Machine" è caratterizzato da un thrash molto duro, spesso tendente al death come spesso, soprattutto in passato, ci hanno abituato.

Si parte subito con la title track, un brano dai ritmi convulsi e dalle linee melodiche (se così possiamo definirle) decadenti. Buona impressione fin da subito, Rowe sembra in gran forma e non ci resta che andare avanti con l’ascolto. Si prosegue con The master of reinvention, struttura compositiva più complessa, tanti cambi di velocità e un articolato solo di chitarra di Michael Jelinic portano un po’ di melodia alla brutalità generale del sound. Sulla falsa riga della precedente si sviluppa anche A sense of eternity, dove però sono più nitide le influenze death. Troviamo poi un po’ di sano speed metal dai ritmi forsennati con Elastitized outrage, a scapito della più lenta e cadenzata (ma anche più deludente) One man with courage makes a majority. Si ritorna di nuovo a spingere il piede sull’acceleratore con la successive Pilots hanging from shoulder dust e la groove oriented Pushing the envelope of the red sonrise. Di nuovo nette influenze death nei rallentamenti di ritmo in I’m not confused, un brano per lo più martellante dal refrain semplice e diretto. La penultima Alexader the metalworker ha un riffing più rilassato rispetto alle precedenti, e per questo motivo risulta piuttosto scialba nel complesso.

Se amate il thrash di scuola Kreator, Annihilator e Testament, allora in "The Evil Addiction Destroying Machine" potreste trovare trovare qualcosa di interessante, ma rimane comunque un disco tutto sommato abbastanza mediocre. A mio parere i veri Mortification sono quelli di "Scrolls Of The Megilloth".

Daniele Fuligno

VOTO

69

 

 

 

 

 

 

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it