Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
Band Links
 
THOUSAND FOOT KRUTCH
Phenomenon
 
THOUSAND FOOT KRUTCH
The Art Of Breaking

THOUSAND FOOT KRUTCH
Oxygen: Inhale

THOUSAND FOOT KRUTCH
Exhale

 

 

THOUSAND FOOT KRUTCH
Set It Off
nu
2001 - DJD Recordings / 2004 - Tooth & Nail Records
(Canada)
www.myspace.com/thousandfootkrutch

 

Il 2001 segna l’uscita di "Set It Off", primo album di successo dei canadesi Thousand Foot Krutch, gruppo che poi sarebbe destinato a diventare uno dei più noti nella scena alternative americana. "Set It Off" è disco parecchio diverso dagli ultimi lavori del gruppo, in cui troviamo un alternative mischiato con elementi hard rock, mentre in questo troviamo un miscuglio di nu metal alla Limp Bizkit con punk moderno. Un miscuglio molto strano, direi.

Apre il disco una intro aggressiva, che introduce la opener, Puppet. Questo pezzo è un nu ben realizzato, con ritmi ossessivi, un bel rappato, scratch e chitarre ritmiche taglienti. Segue Supafly, in cui l’elemento rap è più evidente. Anche questo è brano davvero bello per il genere, molto orecchiabile e funkeggiante. Però ora si passa a When in doubt, un pezzo che mi aspetterei dai Sum 41, o dai Green Day, ma neanche. Con Rhyme animal si ritorna al nu, ma in modo meno convincente. Una highlight la troviamo in Unbelievable, cover degli EMF. Canzone meno aggressiva delle altre, comunque decisamente ben riuscita. Altro bel brano nu è il seguente Up comes down, che fa tornare l’album in chiave aggressiva, rovinata però dalla successiva Come along, che è un'altra song punk che non c'entra niente nel contesto. Small town è la ballad, simpatica, ma decisamente noiosetta. Si torna al rapcore con la title track Set it off, probabilmente la migliore di tutto il Cd. Concludono All the way, pezzo estremamente scocciante, e Lift it altra ballad che conclude l’album in modo leggero.

Ciò che dimostra questo disco è che i Thousand Foot Krutch hanno la stoffa, ma non la sanno ancora mostrare. L’album contiene cose ottime, ma in totale risulta davvero penoso. Non riesco ad ascoltarlo per intero senza saltare quattro tracce alla volta. Lo consiglio solo a chi conosca già il gruppo e voglia approfondirlo. Anzi, non lo consiglio nemmeno a loro...

Christopher Warman

VOTO

50

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it