Italian Christian Metal Website  -  Il sito italiano dedicato al Metallo Cristiano

Menu

 
 
Band Links
 
VENIA
Genesis
 
VENIA
Victory By Surrender
 
INTERVISTA
22/2/2007
 
 

 

VENIA
In Our Weakness   (Ep)
melodic heavy
2005 - Bombworks Records
(Finlandia)
www.myspace.com/veniaband

 

Davvero un’interessante proposta l’Ep di questo gruppo proveniente dalla prolifica landa finlandese, il cui nome Venia significa "perdono" in latino. Il gruppo nasce nel 2002 ed ha all’attivo un solo demo, "Genesis", cui, con notevoli miglioramenti soprattutto nella produzione e nella voce della singer, segue  il disco in questione, "In Our Weakness". Qui sono raccolti cinque brani per un totale di 25 minuti, per quello che reputo un piccolo e compatto gioiellino da ascoltare e riascoltare in attesa di un full-length che metta i cinque ragazzi di fronte ad una prova sicuramente più impegnativa e importante. Già intanto da questo Ep si vedono, e molto chiaramente, le grandi potenzialità del gruppo che ha saputo evolversi e migliorarsi negli anni; un gruppo che dimostra una personalità propria, spaziando egregiamente da un genere all’altro senza mai perdersi. Si tratta essenzialmente di un melodic heavy con parti thrash condite da uno scatenato death'n'roll, con sprazzi power e con atmosfere gothicheggianti… insomma non vi annoierete di certo passando da momenti veloci da headbanging ad altri più melodici, pacati e malinconici.

Ed è su queste sensazioni che veniamo trasportati all’accensione del tasto play: Kaipuu è un intro strumentale in cui veniamo letteralmente rapiti, seguendo il fruscio d’acqua in sottofondo, dall’angelica voce di Veronica Solje. Segue in un continuum Illusion che attacca con dei delicati arpeggi di chitarra che saranno poi accompagnati da riff decisamente graffianti. Questo è un brano heavy molto ritmato e trascinante in cui la cantante, che se la cava benone anche sulle note più alte, si esibisce in un sorprendente growl. E non si tratta solo di un, peraltro riuscitissimo, esperimento: Veronica si ripeterà infatti anche nella seguente The Path, duettando alla grande con la roca voce del chitarrista Jere Veijalainen. Il brano, tipicamente thrash, è aperto dai versetti del vangelo di Matteo 28, 18-20 e alterna sfrenati momenti di death'n'roll, in cui si rincorrono le chitarre di Jere e di Viktor Fagerström (ideatore della webmagazine Victoryzine), ad altri più pacati e solenni, in corrispondenza del refrain: "He who was given all the power / brings forth redemption in your life / break down your walls and prison tower / surrender to the Son of life".

Segue un brano cantato interamente in finlandese (di cui però il booklet offre la traduzione), Heikko, ovvero "debole": un thrash power assolutamente accattivante fatto di accelerazioni e di rallentamenti, per poi concludersi su queste parole urlate dal profondo del cuore: "Choose peace! / Choose power! / Choose life! / Choose Jesus!". Parlando delle lyrics, queste sono incentrate sull’amore che Dio ha verso di noi e su come il senso delle nostre vite può radicalmente cambiare: vedere così di nuovo la luce del sole dopo esserci allontanati dalle tenebre, dalla corruzione, dall’eterno vuoto di una vita immorale e materiale, affidandoci completamente nelle Sue amorevoli mani. A concludere No more una sorta di ballad in cui entra in scena un malinconico violino suonato dalla stessa Veronica. Nonostante siano di ottima fattura questi 25 minuti sono in effetti un po' pochini e si avrà l’irrefrenabile voglia di rimettere su il cd più e più volte. Poco male, continueremo così fino all’uscita di un full-length. Già non vedo l’ora…sai che spettacolo!

Ilaria Ricci

VOTO

82

 

 Best view:  No Firefox!   Optimized:  FONT: Old-English ( —> download Old-English font <—); SCHERMO: 1280x1024   Credit:  Template by Vocinelweb.it